Xiaomi Fans Italia

Lei Jun di Xiaomi è il 16° uomo più ricco del mondo

Quando si parla della rivista Forbes, senza dubbio ci viene in mente la classifica dei Paperon de Paperoni del mondo. Ed infatti, nelle scorse ore la rivista ha pubblicato la sua annuale classifica relativa agli uomini ed alle donne più ricche del mondo. Prima di addentrarci nella lista, vogliamo snocciolarvi un pò di numeri generali:

  • Tutte e 100 le persone presnti nella lista hanno un patrimonio complessivo di 842,9 miliardi di dollari;
  • Delle 100 persone più ricche del mondo, solamente 7 sono donne;
  • 51 delle 100 persone provengono dagli USA;
  • 94 delle 100 persone ha creato la società che l’ha reso celebre da zero;

Analizzando ora la lista, scopriamo che al primo posto vi è sempre Bill Gates, fondatore della Microsoft, con un patrimonio di 79,6 miliardi di dollari. Ciò che però più ci interessa è la posizione 16. Essa infatti è occupata da Lei Jun, CEO di Xiaomi e creatore di un’azienda che ha ottenuto una delle più rapide crescite economiche della storia. Egli ha un patrimonio attuale di 13,2 miliardi di dollari.

Known by many as the Steve Jobs of China, black-jeans-and-t-shirt-wearing Lei Jun co-founded fast-growing mobile phone maker Xiaomi in 2010 with his friend and fellow billionaire Lin Bin. Xiaomi has become hugely popular because its phones offer the high power of rivals at a much lower price. A serial entrepreneur, he also chairs gaming company Kingsoft. Its spinoff, Cheetah Mobile, which provides mobile application software, went public in New York in May 2014. Another company backed by Lei, Internet services supplier Xunlei, went public on the Nasdaq in June 2014.  He also chairs U.S.-traded YY, a Chinese social site he co-founded. He sits on the board of Wuhan University, where he earned a BA in computer science in 1991.

Dal punto di vista asiatico, Lei Jun occupa la quinta posizione. Vedendo l’andazzo di Xiaomi, siamo certi che il patrimonio di Lei Jun crescerà ancora nel prossimo anno.

fonte

Leggi anche

Leave a Reply